Quali tipi di plastica non possono essere riciclati?

Sfortunatamente, non tutte le plastiche possono essere riciclate. Ci sono tre tipi di plastica che non possono essere riciclati: PVC, PS e altri. Queste plastiche si trovano di solito nei contenitori per il cibo come le brocche del latte e le bottiglie di soda. Si trovano anche nei sacchetti di plastica che prendiamo al supermercato o persino nei nostri vestiti!

Le quattro plastiche che possono essere riciclate sono: Plastica 1 - Polietilene tereftalato (PETE), Plastica 2 - Polietilene ad alta densità (HDPE), Plastica 4 - Polietilene a bassa densità (LDPE), e Plastica 5 - Polipropilene (PP).

Diversi tipi di plastica sono fatti di materiali diversi, il che giustifica il fatto che non tutti sono riciclabili. Ci possono essere altri tipi di plastica che sono tecnicamente riciclabili, ma che produrrebbero solo sostanze chimiche tossiche se provassimo a riciclarli.

Quadro dei rifiuti e perché è importante nel riciclaggio della plastica

La direttiva quadro sui rifiuti stabilisce che i rifiuti devono essere trattati secondo la gerarchia dei rifiuti, con una legislazione che mira a spostare la gestione dei rifiuti verso l'alto della gerarchia. 

Il riciclaggio della plastica si inserisce nella gerarchia dei rifiuti come un uso efficiente e sostenibile dei materiali e delle risorse. Anche l'industria della plastica sostiene queste misure di riduzione e riutilizzo.

Gerarchia dei rifiuti

  1. Prevenzione. Questo comporta la riduzione delle risorse utilizzate nella produzione. Questa fase assicura che i prodotti durino a lungo anche quando si usano meno materiali per crearli.
  2. Preparazione per il riutilizzo. Questo include la riparazione, la pulizia, la ristrutturazione e il controllo.
  3. Riciclaggio. Considerato il modo più efficace per gestire i rifiuti, il riciclaggio permette di riutilizzare un certo prodotto in qualcosa di utile.
  4. Altro recupero. Questo include l'incenerimento per produrre energia, la digestione anaerobica, la gassificazione e la pirolisi per produrre calore o elettricità.
  5. Smaltimento. Questo è quando i rifiuti finiscono in discarica o nell'incenerimento senza recupero di energia.

Identificare la plastica da riciclare

Il riciclaggio della plastica è davvero un campo minato per la maggior parte di noi. Le autorità locali hanno cercato di renderlo più facile usando termini come bottiglie di plastica, vaschette di margarina e vasetti di yogurt. Tuttavia, identificare la plastica per tipo potrebbe essere complicato se non conosciamo i dettagli.

  1. PET (polietilene tereftalato) - Riciclabile. La plastica PETE è la più ampiamente riciclata ed è anche la più facile da riciclare. Spesso usata per le bottiglie di plastica trasparenti monouso, esiste anche come vassoi pronti per il forno, bottiglie di bibite gassate, bottiglie di collutorio e vasetti di marmellata. Il PET può essere riciclato in tessuto di poliestere e imbottitura per velli, tappeti e imbottiture per cuscini.
  1. HDPE (polietilene ad alta densità) - Riciclabile. Anche se l'HDPE è riciclabile, dovrai controllare le autorità locali per assicurarti che sia riciclato nella tua zona. L'HDPE si trova spesso in bottiglie e vaschette rigide colorate per gelati, margarina e latte. Viene anche usato per produrre fusti chimici, giocattoli, borse per la spesa e tappi di bottiglie di plastica. L'HDPE può essere riciclato in penne e bottiglie di detersivo.
  1. PVC (cloruro di polivinile) - Non riciclabile. Poiché il PVC ha un'alta percentuale di sostanze chimiche tossiche, non è riciclabile nelle normali raccolte. Spesso fabbricato in tubi di plastica, tubi flessibili, isolanti per cavi, pellicole adesive e carte di credito, questo tipo di plastica rilascia tossine che causano problemi respiratori se ingerite.
  1. LDPE (polietilene a bassa densità) - Riciclabile. L'LDPE può essere riciclato. Ma come per l'HDPE, potresti dover controllare con le autorità locali per assicurarti che venga riciclato nella tua zona. Questa plastica dura e flessibile viene trasformata in bolle d'aria, sacchetti per perline, tubi dell'acqua e del gas, sacchetti per alimenti surgelati e rivestimenti per serbatoi chimici.
  1. PP (polipropilene) - Riciclabile.  Il PP è anche riciclabile tipo di plastica. Tuttavia, come altri tipi di plastica, non tutte le aree riciclano questo materiale. Il PP è usato per produrre cannucce di plastica, nastri da imballaggio, bottiglie di ketchup, custodie per batterie, componenti medici e casse. Viene riciclato in rastrelli da giardino, scope e spazzole.
  1. PS (polistirolo) - Non riciclabile. Il PS non è riciclabile nelle normali raccolte. Come il PVC, il PS ha un'alta percentuale di sostanze chimiche tossiche che mettono in pericolo la salute. Questo tipo di plastica è comunemente usato nella produzione di utensili di plastica, isolanti, vassoi di carne e polistirolo.
  1. ALTRO - Non riciclabile. ALTRE plastiche non sono riciclabili nelle normali raccolte. Questa categoria comprende tutte le altre plastiche, comprese le bioplastiche, le plastiche composte (involucri di patatine), la carta da imballaggio plastificata e il policarbonato (che contengono BPA).

Riciclaggio a circuito chiuso e a circuito aperto

Man mano che più plastica viene recuperata e riciclata, fornisce una quantità crescente di materie prime per il settore del riciclaggio, che possono essere utilizzate sia per il riciclaggio a "ciclo chiuso" che a "ciclo aperto". 

Riciclaggio a ciclo chiuso significa che un prodotto viene riciclato in un altro prodotto quasi identico. Un esempio semplice di questo è il riciclaggio di una bottiglia di bevanda in PET in una nuova bottiglia di bevanda in PET. 

D'altra parte, riciclaggio a circuito aperto significa un prodotto trasformato in un nuovo tipo di prodotto. Un buon esempio potrebbe essere l'imballaggio di plastica riciclata trasformato in un tubo di plastica per l'acqua, una panchina o anche un paio di scarpe da ginnastica. 

Anche se molti ambientalisti favoriscono il riciclaggio a circuito chiuso, il riciclaggio a circuito aperto è ancora prezioso. Prodotti come le panchine dei parchi hanno una vita molto lunga. Usare materiali riciclati è spesso più efficiente in termini di risorse, e applicazioni come queste forniscono un mercato per la plastica riciclata. 

Domande comuni sul tipo di plastica che non può essere riciclata

Come si fa a capire se la plastica è riciclabile?

L'etichetta di riciclaggio (OPRL) sulla confezione fornisce dati ai consumatori per sapere se un prodotto di plastica può essere riciclato. I rivenditori e i proprietari dei marchi sono incoraggiati a usarla per aiutare a comunicare con il pubblico su ciò che può e non può essere riciclato. 

Tutti i tipi di plastica sono riciclabili?

No. Solo quattro tipi di plastica sono riciclabili. Questi sono la plastica 1 - polietilene tereftalato (PETE), la plastica 2 - polietilene ad alta densità (HDPE), la plastica 4 - polietilene a bassa densità (LDPE) e la plastica 5 - polipropilene (PP).

Quali articoli di plastica non possono essere riciclati?

I prodotti di plastica in PVC, polistirolo e altre plastiche non menzionate sopra non sono facilmente riciclabili. Alcuni possono essere riciclati in condizioni speciali, ma potrebbero essere una potenziale causa di problemi respiratori.

La plastica è stata la realtà inevitabile di questo mondo moderno. Nonostante il crisi incombente dell'inquinamento da plasticaLa produzione di plastica non si ferma mai. È comprensibile come la gente trovi difficile voltare completamente le spalle alla plastica, quindi è fondamentale per tutti sapere di cosa è fatto ogni tipo per poter almeno scegliere quello che lascia meno danni all'ambiente.

Quali tipi di plastica non possono essere riciclati?
it_ITItaliano