Perché i rifiuti biodegradabili in discarica ci mettono così tanto a decomporsi?

Si prevede che una discarica media impieghi 100 anni per decomporre i rifiuti biodegradabili che vi vengono scaricati. In una vita, questo significa che una persona potrebbe contribuire fino a 40 libbre di spazzatura o più se vive in un'area urbana. Ma perché ci vuole così tanto tempo perché i rifiuti biodegradabili in discarica si decompongano? Continua a leggere ed esplora alcuni fattori chiave che possono essere in gioco.

Nelle discariche si accumulano diversi tipi di rifiuti. Ogni pezzo di spazzatura si decompone nel proprio tempo, quindi anche se una parte dei rifiuti in discarica si è effettivamente decomposta, non si vede.

Inoltre, la crescente popolazione mondiale fa sì che le discariche siano più piene che mai. L'assenza di ossigeno e di raggi UV necessari per decomporre i rifiuti biodegradabili rende ancora più difficile la decomposizione di tutte queste cose.

Le discariche sono troppo piene.

Nelle nostre case, è naturale che si raccolga più spazzatura quando siamo in più a viverci. Questo è anche il caso delle nostre discariche oggi. C'è semplicemente troppa spazzatura nelle discariche, in attesa di decomporsi. 

Poiché la nostra spazzatura continua ad accumularsi, le discariche sono rimaste con uno spazio minimo o addirittura nullo per l'ingresso dell'aria. Anche se esiste una cosa come la decomposizione anaerobica, o la decomposizione della spazzatura senza l'aiuto dell'ossigeno, questo processo è più lento e potrebbe anche ostacolare l'intera fase di degradazione. 

Le discariche moderne sono anche molto compatte. Questo significa solo che non solo sono private dell'ossigeno, ma anche dello sporco. Sia l'ossigeno che i batteri sono necessari per un efficace impianto di decomposizione. In assenza dei due, anche i rifiuti più biodegradabili potrebbero metterci un po' a decomporsi.

Alcuni rifiuti biodegradabili sono stati trattati.

Questa realtà contribuisce anche a spiegare perché un'alta percentuale di rifiuti biodegradabili richiede più tempo per decomporsi. Un prodotto naturale rimane biodegradabile solo se rimane nella sua forma originale. Sfortunatamente, i tempi moderni richiedono che la maggior parte degli articoli organici vengano lavorati per durare più a lungo, rendendo quasi impossibile riciclarli e decomporli completamente.

Il petrolio, per esempio, sarebbe stato facilmente decomposto in petrolio greggio dopo l'uso. Ma poiché viene trasformato in plastica, diventa non biodegradabile. Questo succede anche ad altri materiali organici. 

Una volta lavorati, i microbi e gli enzimi non riconoscono più la composizione elementare di questi rifiuti una volta facili da decomporre. Questo si aggiunge alla lotta delle discariche straripanti, poiché la spazzatura continua ad accumularsi senza essere decomposta.

La gente pensa di scegliere il male minore quando si allontana dalla plastica e usa la carta, per esempio, senza sapere che c'è anche un'enorme possibilità che la carta rimanga nella sua forma anche dopo 50 anni. 

La ricerca mostra che i giornali nelle discariche rimangono leggibili dopo 40 anni, e alcune bistecche hanno ancora carne sulle ossa dopo 20 anni. Queste scoperte mostrano solo che anche i rifiuti biodegradabili sono ancora un problema, insieme alla plastica e ad altri rifiuti che non si decompongono affatto.

Il design e la tecnologia moderni potrebbero migliorare il processo di decomposizione nelle discariche.

Un numero crescente di discariche sta lentamente cercando di modernizzare i loro sistemi per essere più favorevoli a una più rapida decomposizione dei rifiuti. Ora iniettano acqua, microbi e ossigeno per aiutare il processo e accelerare la biodegradazione.

Sarebbe ideale se tutte le discariche seguissero presto l'esempio. Tuttavia, il costo necessario per far progredire il sistema lo rende improbabile per molti luoghi. Si tratta di un aggiornamento altamente costoso, insieme ad altri sviluppi come la separazione degli scarti di cibo da altri rifiuti.

La soluzione è ancora la riduzione dei rifiuti.

Usare meno plastica non può risolvere completamente il nostro problema dello smaltimento dei rifiuti e carenza di discariche. Anche la carta finisce nelle discariche e non può decomporsi così velocemente come ci aspettiamo. 

Il modo migliore per assicurarsi che non stiamo aumentando i problemi di spazzatura è quello di ridurre totalmente i rifiuti che produciamo. Ci sono molte cose che possiamo fare per aiutare ad affrontare i dolori crescenti dei rifiuti accumulati:

  • Riutilizzare il più possibile. Invece di scegliere bicchieri di carta rispetto alla plasticaPer migliorare la situazione, porta sempre con te un bicchiere riutilizzabile. I bicchieri di vetro e metallo sono ottime scelte e dureranno a lungo.
  • Riciclate i vostri rifiuti. Riciclare una parte della vostra spazzatura aiuterà a dare più spazio nelle discariche per accelerare la decomposizione. Si può iniziare con le piccole cose, come cercare di riciclare i rifiuti di carta.
  • Cerca di creare la tua fossa di compost a casa tua. Gran parte della spazzatura che produciamo ogni giorno potrebbe andare bene in un compost. Scarti di cibo, bucce di frutta e verdura e foglie secche stanno meglio in una fossa che in una discarica. Non hai un giardino? Puoi provare a fare una fossa di fortuna usando un bidone della spazzatura. Basta seguire le solite istruzioni per costruirne una come si farebbe all'esterno.

Domande comuni sui rifiuti biodegradabili da discarica 

Quanto tempo impiega una discarica a decomporsi?

In media, le discariche biodegradabili dovrebbero decomporsi completamente tra le due e le sei settimane. Questo varia a seconda della quantità di rifiuti nella discarica, se l'aria entra o no, e se i rifiuti sono adeguatamente segregati.

Un polimero biodegradabile si degrada in una discarica?

Sì, esistono i polimeri biodegradabili, detti anche bioplastiche. Anche se etichettati come biodegradabili, non si degradano così velocemente. Si degradano correttamente solo se esposti alla luce del sole, in quanto i raggi UV rompono le sue particelle molecolari e le decompongono.

Le tazze biodegradabili si decompongono in discarica?

Tutto dipende da come sono stati lavorati questi bicchieri. Se sono fatti solo di carta, c'è un'alta possibilità che si decompongano. Tuttavia, bisogna anche notare che il processo di decomposizione dipende anche dalle condizioni della discarica. In assenza di umidità e batteri, anche un sottile foglio di carta impiegherebbe più tempo a degradarsi.

Ci sono molte cose che devono migliorare affinché i rifiuti biodegradabili si decompongano più velocemente nelle discariche. Assicurarsi che ossigeno e batteri siano entrambi presenti nella struttura, separare la spazzatura per tipo e avere discariche più grandi per evitare il sovraffollamento degli spazi aiuterebbe le discariche ad essere più efficaci nella decomposizione.

Perché i rifiuti biodegradabili in discarica ci mettono così tanto a decomporsi?
it_ITItaliano